Recensioni
928 letture 0 commenti

The normal heart di Ryan Murphy

di il 23/08/2014
Dettagli
 
Genere
MI PIACE

L'ambientazione anni ottanta è perfetta

NON MI PIACE

Un certo moralismo melodrammatico sotterraneo

Editor Rating
IL MIO VOTO


AFORISMA
 

Un film che colpisce il lato più emotivo dello spettatore in maniera sfacciata

 
The Normal Heart (2014)
The Normal Heart poster Rating: 8.3/10 (7,612 votes)
Director: Ryan Murphy
Writer: Larry Kramer (screenplay), Larry Kramer (play)
Stars: Mark Ruffalo, Jonathan Groff, Frank De Julio, William DeMeritt
Runtime: 132 min
Rated: N/A
Genre: Drama
Released: 25 May 2014
Plot: A gay activist attempts to raise HIV/AIDS awareness during the early 1980s.

 

Eh, qui si piange. E tanto.
Film per la televisione (seconda volta, dopo Behind the Candelabra, che un film a tematica gay con attori importanti non riesce ad uscire nelle sale americane) che parla dei primissimi anni della diffusione del virus dell’HIV e delle prime morti per AIDS: tema abbastanza trattato dalla cinematografia contemporanea (si vedano Dallas Buyers Club e Test).
Essendo un film americano e non di nicchia, i due rischi maggiori sono quelli di scadere nella fiction o nel melo e, in questo senso, il regista è molto bravo a sfiorare entrambi i generi mantenendo al tempo stesso una linea narrativa a volte anche un po’ scomoda.
Il film è bello. Politico, certo, molto parziale e partigiano. Degna di nota la bravura degli attori (tutti nominati al premio Emmy) che, nella dimensione dell’intimità della loro vita quotidiana, ci coinvolgono in un equilibrio fatto di lotte e di sconfitte, nella cornice dell’epicità della storia totale del film.
Il cast ingaggiato è quasi da Blockbuster, attori importanti che recitano molto bene e con misura. Mark Ruffalo e Matt Bomer bravissimi, bellissimi e coppia intensa, Julia Robertsche ormai recita sempre più la parte della bruttina interessante per orientarsi probabilmente in ruoli da Oscar – è comunque molto credibile e brava.
Certo è un film che colpisce il lato più emotivo dello spettatore in maniera sfacciata, onesta, e commuove in maniera sincera.
Certo il pubblico gay sarà più coinvolto, anche per la contestualizzazione storica della vicenda.

Sei il primo a commentare!
 
Rispondi »

 

Commenta e vota