Recensioni
821 letture 0 commenti

The imitation game di Morten Tyldum

di il 13/01/2015
MI PIACE

Benedict Chumberbatch

NON MI PIACE

Nessun approfondimento

Editor Rating
IL MIO VOTO


 

Confesso di essere piuttosto provato dalla quantità di biopic che ci sono in giro in questo periodo: ormai un film su tre narra le vicende romanzate di qualche personaggio più o meno noto.
The Imitation Game è un film ambizioso: vuole segnare il riscatto di Alan Turing, scienziato trattato in maniera sprezzante dal governo inglese, appena dopo la guerra che Turing stesso aveva contribuito a far vincere agli Alleati. Ed è proprio in questa ambizione che il film inciampa: il desiderio di girare una pellicola di grande successo ed ampio respiro porta il regista a perdersi.
Un passo falso il voler raccontare genericamente la vita del protagonista, invece che puntare il riflettore su una singola porzione ed approfondirla.
La sua omosessualità, il ruolo fondamentale nel decifrare il codice Enigma, usato dai nazisti per comunicare durante la guerra, la sua follia lucida (si dice che Turing fosse affetto dalla sindrome di Arspenger, a quei tempi non diagnosticabile). Queste linee narrative vengono solo accennate lasciando largo spazio alla guerra ed al come si lavori al progetto di identificazione del codice. Il tutto odora talvolta di fiction ben fatta.
Il film è godibile, intendiamoci, bellissima fotografia, buona colonna sonora. Lo si vede d’un fiato senza controllare il cellulare.
Benedict Chumberbatch si conferma un attore straordinario, riesce ad essere antipatico, arrogante e trasmette perfettamente l’idea del disagio di Turing. Uno studio perfetto del personaggio, insomma, arricchito da piccoli tic e sguardi persi nel vuoto. Un’interpretazione magistrale che è senza dubbio la cosa migliore della pellicola. Non mi stupirei di un Oscar anche perchè, più in generale, l’intera produzione sembra essere nata per mirare fin troppo palesemente a quell’obiettivo.
Ho trovato invece fuori fuoco il ruolo di Keira Knightley, ogni volta che appariva (e accade assai spesso) mi ha sempre dato l’idea di essere troppo moderna per l’ambientazione, fuori dall’epoca rappresentata (purtroppo mi ha evocato anche la sua presenza imbarazzante nel film di Cronenberg). Perfetti invece Matthew Goode e Allen Leech, i due collaboratori di Turing.

The Imitation Game (2014)
The Imitation Game poster Rating: 8.4/10 (16,434 votes)
Director: Morten Tyldum
Writer: Andrew Hodges (book), Graham Moore (screenplay)
Stars: Benedict Cumberbatch, Keira Knightley, Matthew Goode, Rory Kinnear
Runtime: 114 min
Rated: PG-13
Genre: Biography, Drama, Thriller
Released: 25 Dec 2014
Plot: English mathematician and logician, Alan Turing, helps crack the Enigma code during World War II.
Sei il primo a commentare!
 
Rispondi »

 

Commenta e vota