Recensioni
906 letture 0 commenti

Hardcore! (Hardcore Henry) di Ilya Naishuller

di il 20/04/2016
MI PIACE

L'idea
La realizzazione
L'intelligenza al servizio dell'ignoranza
L'adrenalina
I've got you under my skin
Gli ammazzi
I russi
La durata
La colonna sonora
Gli stunt
La post produzione

NON MI PIACE

Lo Space cinema che ferma il film a metà per vendere i pop corn

Editor Rating
IL MIO VOTO


AFORISMA
 

“There are 52 baseball bats sold annually in Russia, and only 25 of them are used for sport. I think you can guess what the others are used for.”
(Akan, il cattivone)

 

red

Ti siedi. E’ buio. Non sai cosa vedrai. E’ la settimana dei brutti film a 3 euro. Chettifrega.
Ci sei dentro. Sei il protagonista. Hai perso la memoria, non puoi parlare. Hai una strana vista a occhio di pesce ma è perché i tuoi occhi organici non si sono più. Sei una specie di Tetsuo. Un cyborg, come gli Universal Soldier con Van Damme. Ti ricordi di un vecchio videogioco: Doom, si chiamava, e poi pensi che il ventinovenne regista non sa nemmeno cosa sia e ti dici (cit.) ma quanto sei vecchio? Non sai che succede. C’è una bella ragazza che dice di amarti e ci credi perché è proprio figa. Arriva Akan, un cattivone che vi vuole male, e scopri di essere un soldato, sai combattere. Scappi ma sei su un aereo, quasi precipiti. Cerchi di proteggere la biondacciona, sparano, spari anche tu, ammazzi, sei tosto. C’è qualcuno che ti può aiutare ma poi crepa e allora… E così fino alla fine: scappi, rompi ossa, uccidi, cerchi di capire, mutili, qualcuno resuscita, il cattivone ha poteri telecinetici, la bella ragazza… Posso raccontare tutta la trama e non farebbe differenza. E’ cinema. Cinema. Fatto con i soldi, ingegno e tanta tanta ultraviolenza, originale e incontinente.

hardcore-henry-hardcore-found-footage-film-review-902681

Vomiti? Meglio. Quasi non riesci a respirare. E la musica, ah la musica: gli Stranglers, e chi se li ricordava? E giù tonnellate di notacce adrenaliniche e ti scappa una lacrimuccia per i Nautilus Pompilius di Balabanov, che non ci sono, perché Naishuller non è un poeta punk ma solo un punk che si diverte e vuole divertire. E quando al centro del film le multipersonalità di Jimmy (un estroverso Sharlto Copley) cantano ‘I’ve got you under my skin’, sai che è amore e ti convinci che i russi sono la speranza culturale della vecchia Europa oltre che quella politica. E c’è Mosca, sei a Mosca: altra skyline. Facce antiche e ragazze con sguardi che sembrano sempre assenti.

HARDCORE HENRY

C’è pure Tim Roth, in un cameo, perché qualche spiccio ce l’hanno messo pure gli americani. Volponi ma poi mica tanto, perché il film negli USA non ha sbancato. Immagino a causa della lingua e, più probabilmente, perché il pubblico è ormai talmente assuefatto a prodotti omogeneizzati che il talento e l’invenzione vengono trattati come mancanze. Ma come, dura solo 96 minuti? Non finisco nemmeno il secondo mastello di pop corn, in 96 minuti, stronzi comunisti!

harcore_henry_4
E’ un Ghesboro movie® ? Qualcuno lo reclama. Forse sì. Non lo so. Ma non uscivo così contento da un cinema dai tempi di Im keller di Seidl, che non c’entra niente, ma che, come Hardcore!, non si vergogna della propria intelligenza.

Hardcore Henry (2015)
Hardcore Henry poster Rating: 6.9/10 (18,472 votes)
Director: Ilya Naishuller
Writer: Ilya Naishuller (screenwriter), Will Stewart (additional writing by)
Stars: Sharlto Copley, Danila Kozlovsky, Haley Bennett, Tim Roth
Runtime: 96 min
Rated: R
Genre: Action, Adventure, Sci-Fi
Released: 08 Apr 2016
Plot: Henry is resurrected from death with no memory, and he must save his wife from a telekinetic warlord with a plan to bio-engineer soldiers.
Sei il primo a commentare!
 
Rispondi »

 

Commenta e vota