Recensioni
929 letture 0 commenti

Attack on Titan di Hajime Isayama

di il 16/07/2016
Dettagli
 
Editor Rating
IL MIO VOTO


AFORISMA
 

È dall'Iliade che non si vede una storia in cui gli eroi si cagano addosso dalla paura e sono vili

 

Come lo vide [Achille] Ettore fu preso dal tremito e non poté più resistere: si lasciò indietro le porte e si mise in fuga. [Iliade, libro XXII]

Il successo è un Dio impietoso, ma talvolta incorona chi ha la determinazione di innovare e tracciare nuovi solchi. E’ il caso dell’anime “Attack on titans” che, per usare parole di Tomino (creatore di Gundam) propone una grafica “pornografica”, “grottesca” ed “oscena” per descrivere finalmente un mondo formidabile fatto di mezzi eroi, di vittime di paure ed egoismi, di scelte difficili ma improcrastinabili. L’anime mette in scena un universo così esplicitamente reale da rendere superflua l’interpretazione dell’autore che dice di aver proiettato nella sua opera le angosce provate come vittima di bullismo in età adolescenziale. Infondo tutte le nostre angosce ed ossessioni non portano altro che volti comuni, quelli dei titani appunto, e ci divorano non per fame, ne’ per cattiveria o necessità, ma perché il mondo è così; in tali circostanze, la nostra inadeguatezza dovuta a viltà o bisogno di sicurezza emerge prepotentemente riflettendosi sui protagonisti umani della serie. Il dualismo buoni/cattivi, che è la base di moltissimi manga del genere, si scardina completamente dal momento che i titani che minacciano la specie umana sono evidentemente privi di volontà, pianificazione o intelligenza e pertanto difficili da incolpare. Esistono, ecco tutto.

Così, a fronte di un personaggio che diremmo positivo che lascia morire il suo migliore amico perché paralizzato dalla paura, lo spettatore non ne prova disprezzo, ma comprensione. Vorrei spingermi oltre. Di fronte all’omicidio di massa dei profughi, l’anime riesce a distinguere chi lo ha vissuto come una necessità ineludibile e chi invece prova disgusto accecato dall’avidità e dalla onnipresente paura. (Vi ricorda qualcosa l’ultimo tema?)

Attack on Titans racconta una storia coraggiosa ma non di coraggiosi, in cui l’azione ed i misteri che si aprono sono assolutamente secondari per il modo raffinato con cui si delineano i personaggi. Perdoniamo ampiamente le sbavature come la Disneyana morte della madre, e aspettiamo la seconda stagione con impazienza.

Non fuggirò più figlio di Peleo […] ma ora il mio cuore mi spinge a starti di fronte, sia vincitore o sconfitto. [Iliade, libro XXII, parole di Ettore di fronte ad Achille prima di morire].

Attack on Titan (2013–)
Attack on Titan poster Rating: 8.8/10 (62,922 votes)
Director: N/A
Writer: N/A
Stars: Marina Inoue, Yuki Kaji, Josh Grelle, Bryce Papenbrook
Runtime: 24 min
Rated: TV-MA
Genre: Animation, Action, Adventure
Released: 03 May 2014
Plot: After his hometown is destroyed and his mother is killed, young Eren Jaegar vows to cleanse the earth of the giant humanoid Titans that have brought humanity to the brink of extinction.
Sei il primo a commentare!
 
Rispondi »

 

Commenta e vota