GLI ULTIMI PEZZI
 

God’s own country di Francis Lee

di Angelo Vianelloil 10/02/2018
Qualche articolo fa un mio collega si lamentava di quanto spesso nel cinema ci sia il cliché stra abusato del gay=colto, e che ci si dimentica di chi vive nelle periferie o in condomini popolari. Ecco allora il film per chi nutre la sua stessa nostalgia. Il protagonista, un contadino, gay, piscia dove gli capita, […]

#Gay – Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino 2, la rivincita

di Michele Arientiil 05/02/2018
“Ti aspettano tempi durissimi. La natura è molto astuta, sa sempre scovare i nostri punti deboli. Ricordati di una cosa: io sono qui. Adesso magari non vuoi provare niente, forse non hai mai desiderato provare qualcosa e forse non è con me che vorrai parlare di queste cose. Ma certo qualcosa hai provato. Tra voi […]

QUERELLE DE BREST di Rainer Werner Fassbinder

di Angelo Vianelloil 12/04/2016
Ghesboro movie
In una Brest completamente inventata – ricreata con teatro di posa – non esistono esterni, la città è un non luogo infernale, esibito tramite un’artificiosità esasperata e voluta. Querelle scende dalla nave alla ricerca del fratello, generando liti e scopate, emozioni e fraintendimenti, luci coloratissime e soffuse. L’ultimo film di Fassbinder è anche il suo […]

Eisenstein in Messico di Peter Greenaway

di Angelo Vianelloil 25/01/2016
Per me, vedere un film di Greenaway è come andare a cena con un grande amore del passato: nonostante sia tutto finito, capisci perfettamente perchè te ne sia innamorato. Gli ultimi film, onestamente, mi erano piaciuti poco, troppo patinati, sempre più colti ma autoreferenziali. In Greenaway la tecnica non cede mai e anche in questo […]

Tangerine di Sean Baker

di Angelo Vianelloil 09/01/2016
Potentissimo film dal ritmo serrato ed incessante girato solo con un iPhone 5. Ambientato interamente il giorno della vigilia di Natale, è una storia quasi classica del melodramma e della commedia degli equivoci trasferita però nel mondo delle trans e dello spaccio di droga. Segue il girovagare di Alexandra e Sin-Dee, appena uscita di prigione […]

Più buio di mezzanotte di Sebastiano Riso

di Angelo Vianelloil 21/12/2015
Il provincialismo, una caratteristica che solitamente non sopporto del cinema italiano, è una delle cose più indovinate di questo film. Una Catania affascinante e misteriosa è il teatro del girovagare di Davide, giovanissimo ragazzino che, per sfuggire ad una famiglia che non vede di buon grado la sua omosessualità, decide di vivere per strada, insieme […]