Gli eventi
350 letture 0 commenti

#BERGAMOFILMMEETING – ENKLAVA di Goran Radovanovic

di il 11/03/2016
Dettagli
 
Editor Rating
Total Score


 

Un altro film sui disastri del post-guerra della ex Jugoslavia, in questo caso l’argomento è la distribuzione dei territori.
Nella città di Vrelo in Kossovo, posto davvero sperduto, esiste una piccola comunità serba in un territorio a maggioranza albanese.
Nanad vive con padre e nonno in questa città e deve essere portato a scuola col carro armato della Nato, è l’unico alunno. Non per molto, però, perchè la sua maestra, appena ha la possibilità, si trasferisce a Belgrado.
Conosce altri bambini, anche se albanesi, e nonostante giochino insieme, la loro differenza è sempre palpabile. Sarà proprio da un gioco finito male che inizia una lotta armata tra serbi ed albanesi.
Radovanovic è anche l’autore della sceneggiatura e lo si intuisce facilmente notando come la regia si metta al completo servizio della storia, scritta bene e, nonostante narri la vita di ogni giorno, colpisce in maniera dura.
Persone che vivono a pochi metri una dall’altra, ma che non parlano, o si rifiutano di parlare, la stessa lingua, vivono la religione in maniera diversa e, soprattutto, si affidano ad un odio atavico verso l’etnia diversa, insegnato ai bambini fin da piccolissimi.
Il film non si abbandona mai a retoriche o estremismi sentimentali, cerca di essere asciutto e senza smanceria per dare allo spettatore una fotografia della situazione non falsata e che esiste ancora in certe parti di quel paese.
Bravissimi i quattro bambini, intensi e con sguardi intelligenti ma tristi, che si esaltano per un giro in carro armato e sanno mentire per incolpare il nemico di religione diversa.

Sei il primo a commentare!
 
Rispondi »

 

Commenta e vota